Epatite D

  • Il virus dell’epatite D si manifesta solo insieme a quello dell’epatite B.
  • È raro in Svizzera.
  • La vaccinazione contro l’epatite B protegge anche dall’infezione da epatite D
  • La terapia antivirale è raccomandata per le persone con infezione da epatite B e D

Il virus dell’epatite D è un cosiddetto parassita: questo significa che non è in grado di riprodursi da solo. Per farlo ha bisogno dell’involucro del virus dell’epatite B. Per questo motivo l’epatite D si manifesta solo insieme all’epatite B. O si è infettati da entrambi i virus contemporaneamente oppure si è già portatori del virus dell’epatite B e si viene infettati anche dall’epatite D.

In Svizzera l’infezione da epatite D si verifica solo raramente.

Le vie di trasmissione dell’epatite B e D sono le stesse: sangue contaminato, rapporti sessuali non protetti, scambio di aghi di persone che fanno uso di droghe per via endovenosa. Spesso, l’infezione aggiuntiva da epatite D peggiora il decorso dell’epatite B. Oltre il 90% dei pazienti soffre di malattia cronica, ciò che aumenta il rischio di cirrosi epatica o epatocarcinoma. Le persone con un’infezione cronica da epatite B e D dovrebbero sottoporsi alla terapia antivirale per ridurre tale rischio. La vaccinazione contro l’epatite B protegge anche dall’epatite D.

Studi e articoli